Book club di maggio, la casetta di Pomi d’ottone e manici di scopa

casetta book club pomi d'ottone

Il Book club delle casette mi sta facendo riscoprire tantissimi libri legati alla mia infanzia ma devo ammettere che il libro di maggio, Pomi d’ottone e manici di scopa, non l’avevo mai letto prima d’ora. Ho da sempre solo visto il film, e intendo dire visto mille e mille volte quasi da sapere a memoria le battute!, ma non ho mai letto il libro che Mary Norton ha scritto nel 1957. Il film della Walt Disney uscito nel 1971 ha come protagonista la mitica e allora giovanissima Angela Lansbury. Adoro la scena dei ragazzini chiusi nel museo, il gatto nero spelacchiato di Miss Price e gli animali della foresta. Quando ho iniziato a scrivere la lista dei libri da leggere, o rileggere, in occasione di questo nuovo progetto mi sono detta che era giunto il momento e ho fatto ordinare a Carmen e Marta della libreria Le due zitelle qualche copia! Ho letto il libro tutto di un fiato, non è difficile farlo!, e mi sono subito resa conto delle differenze con il film. Ho scoperto poi, documentandomi per questo articolo, che un altro libro di Mary Norton è stato usato in abbinata per la sceneggiatura del film ed è Il magico pomo d’ottone, ovvero come diventare una strega in dieci facili lezioni.

C’erano una volta tre bambini che si chiamavano Carey, Charles, e Paul. La prima, Carey, aveva più o meno la tua età, Charles era un po’ più piccolo e Paul aveva solo sei anni. Un’estate furono mandati nel Bedfordshire a stare da una zia. La zia era anziana e viveva in una vecchia e solida casa, in mezzo a un giardino dove non crescono fiori. C’erano prati, cespugli e cedri, ma niente fiori, il che faceva sembrare il giardino cupo e triste”

casetta book club pomi d'ottone

Non è un inizio molto rassicurante per i tre ragazzi  ma salvarli ci sarà l’incontro con la vicina Miss Price, che aiutano dopo una rovinosa caduta dalla… scopa! Sì, perché Miss Price è una provetta strega che studia magia per corrispondenza. La nuova amica affida a Paul il pomo di un letto che, grazie ad una magia, fa viaggiare nel tempo chi si trova sul letto con i bimbi. Lei e i ragazzini vivranno emozionanti esperienze tra letti volanti, isole abitate da cannibali e roghi medievali. La storia ad un certo punto si mette veramente male per i nostri avventurieri ma alla fine tutto si risolve… ma non ti dirò come, devi leggere il libro 😉 [spolier: di mezzo c’è una casa, quella dei sogni… poteva essere altrimenti?!]

i timbri delle casette

Per le casette Pomi d’ottone, sia quelle grandi che quelle piccine del segnalibro, ho scelto di fare il tetto giallo frizzante (io lo chiamo così, è un colore nuovo nuovo che ha la base giallo brillante con delle pagliuzze arancioni e rosse e mi dà la sensazione di essere “sbarluccicante”). Secondo me questo colore sta proprio bene con la magia di Miss Price (prova a chiudere gli occhi e ripetere quattro cinque volte Miss Price, non sembra una cosa frizzantina?!). Al tetto magico ho abbinato timbri in tema: non poteva mancare la scopa sulla quale la futura strega si allena con tanta determinazione e neanche il gatto, che strega è senza un bel gattino?!. Il pomo del letto è quel cerchietto che vedi su un lato della casina, è il centro di tutto il libro, il viaggiare qui e lì nel tempo e nello spazio.

cosa mi piace di pomi d’ottone manici di scopa

Non sono mai riuscita a decidere se è meglio leggere prima un libro e vederne il film ed è anche difficile dire se tra un libro ed un film molto diversi sia meglio l’uno o l’altro. Come ti ho già detto adoro il film con Angela Lansbury anche perché lo collego a tanti ricordi d’infanzia e sono rimasta spiazzata leggendo il libro e trovandolo così diverso. Era inevitabile per me leggere i dialoghi e associare voci e volti degli attori dei film. Una cosa però c’è in entrambi ed è la cosa secondo me bella che insegna questo libro, la forza di volontà ti può portare proprio dove desideri andare. Non sto parlando chiaramente di un viaggio. Miss Price voleva diventare una strega e alla fine, anche se le magie erano fasulle, lei con la sua caparbietà riusciva a farle funzionare! Sì questo mi piace della storia, se desideri una cosa e ti impegni al cento per cento, se dai il meglio di te, è molto probabile che tu possa ottenere quello che desideri.  Secondo me è un bell’insegnamento, non è alimentare false speranze ma “istigare” alla positività!

Miss Price gli lanciò un’occhiata. “Voglio dire, Paul” ribatté con calma, “che studio per diventare strega”. Prese a sferruzzare, sporgendo le labbra.
“Oh, Miss Price!” esclamò Carey con entusiasmo. “Che idea geniale”.
Fu la cosa migliore che potesse dire. Miss Price arrossì, ma sembrò compiaciuta.
“Come le è venuto in mente Miss Price?”
“Bè, fin da ragazza ho avuto un po’ il dono per la stregoneria, ma per una ragione o per l’altra diciamo che non ho mai avuto il tempo di fare sul serio”

casetta book club pomi d'ottone

istruzioni per l’uso

Le casette Book club, come tutti i mesi, sono in edizione limitata. Ce ne sono solo due, una la trovi qui nello shop e una la puoi acquistare direttamente da me in Laboratorio. Ma non arriverà da sola! La casetta, che rispetto alle sorelle, adora più stare sulla tua libreria che non in viaggio, arriverà accompagnata da un segnalibro decorato con una casetta Book club in miniatura così, quando la maggiore deciderà di seguirti nei tuoi viaggi avrai sempre una mini casetta che veglierà i tuoi libri preferiti. Le casettine Book club, prima di arrivare nella tua libreria, si sono fatte un giro da Marta e Carmen alla Libreria Le due Zitelle per farsi il servizio fotografico con il libro Pomi d’ottone e manici di scopa. Ogni volta però è la stessa scena, le casette non vorrebbero più andare via perché trovano tantissimi altri libri che vorrebbero leggere… sei curiosa? Fai un salto in libreria per prendere la tua copia del libro di Mary Norton e dare un’occhiata in giro. E se vuoi fare un bel regalo, prendi da loro il libro, da me la casetta e ti faremo una bella confezione!

La signora Wilson aveva qualche dubbio nei confronti di Miss Price. C’era qualcosa di strano in tutta quell’eccitazione per una zitella in apparenza innocua. Ma i bambini diedero risposte ineccepibili a tutte le sue domande. Miss Price – tranquilla, di una certa età, un tantino pignola – sembrava una persona davvero degna di stima. … Miss Price era davvero come i bambini l’avevano descritta. Riservata ma cordiale, Miss Price espresse un misurato affetto per i bambini e la sua disponibilità ad ospitarli tutti e tre, purché avessero riguardo per le sue cose e la aiutassero in casa.”

vai allo shop